Accordi internazionali frequenze TV in vista del 5G per l'Italia

Moderatore: Moderatori

Avatar utente
sc96
Messaggi: 245
Iscritto il: 11/04/2014, 21:14

Accordi internazionali frequenze TV in vista del 5G per l'Italia

Messaggio da sc96 » 06/02/2020, 23:43

Fonte: https://www.newslinet.com/dtt-avviso-05 ... ndennizzi/

DTT. Avviso 05/02/2020 Mise rilascio anticipato ch locali. Tx da spegnere entro 30/05/2020. Finalità determinare presupposti e tempistiche indennizzi

Avviso 05/02/2020 del Mise: manifestazione d’interesse a dismettere i canali in forma anticipata (per consentire il riutilizzo a coloro che dovranno lasciarli obbligatoriamente prima del termine generale). Al buio.

Target: determinare presupposti e tempistiche per erogazione contributi

Nell' avviso pubblicato oggi dal Mise, infatti, non si parla di cifre. Anzi, si dice proprio che la finalità della raccolta è quella di determinare “i presupposti” e le “tempistiche per l’erogazione degli indennizzi
di cui all’art. 1, comma 1039, lett. b) della legge n. 205/2017 e successive modifiche, nonché alla corretta attuazione degli impegni assunti dall’Italia in sede internazionale in materia di uso delle frequenze, si chiede a tutti i soggetti destinatari della previsione di cui al citato art. 1, comma 1039, lett. b) di manifestare l’intenzione di avvalersi della facoltà prevista dall’art 4, comma 9 del d.m. 19 giugno 2019 di “effettuare il rilascio della frequenza oggetto del relativo diritto d’uso in anticipo rispetto alla scadenza” prevista nel medesimo decreto ministeriale”.

Manifestazioni d’interesse entro il 28/02/2020

Gli operatori di rete titolari di diritto d’uso in ambito locale avranno la facoltà di effettuare il rilascio di frequenze televisive in anticipo rispetto alle scadenze previste dal DM 19/06/2019 secondo i dettami riportati nell’Avviso pubblico del 05/02/2020. La richiesta per il rilascio anticipato delle frequenze dovrà pervenire al Mise secondo il fac-simile allegato, entro e non oltre il 28/02/2020, al Ministero dello sviluppo economico.

Dismissioni tra il 20 ed il 30/05/2020

I soggetti che si avvalgono di tale facoltà devono rilasciare le frequenze nella finestra temporale compresa tra il 20 e il 30/05/2020 prevista dal decreto direttoriale 29/11/2019 (art. 1, comma 3).


Salto nel buio?

“Affinché i sopra enunciati obiettivi possano essere perseguiti secondo i principi di economicità, efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa, garantendo la speditezza dell’iter di approvazione del decreto ministeriale relativo alle procedure di erogazione degli indennizzi – spiega l’Avviso – è necessario che la richiesta di avvalersi della facoltà del rilascio anticipato delle frequenze pervenga (…) entro e non oltre il 28/02/2020“.
Ora occorrerà verificare quanti saranno i soggetti disponibili ad un vero e proprio salto nel buio…

Avatar utente
sc96
Messaggi: 245
Iscritto il: 11/04/2014, 21:14

Accordi internazionali frequenze TV in vista del 5G per l'Italia

Messaggio da sc96 » 07/02/2020, 23:11

Fonte: https://www.newslinet.com/liberazione-a ... a-confuse/

Liberazione anticipata dei canali DTT: poche idee, ma confuse

Sta facendo discutere l’Avviso del Mise a riguardo della liberazione anticipata delle frequenze DTT. Non solo, come per primo aveva evidenziato NL, coloro che decidessero di sottoscrivere la richiesta lo farebbero all’oscuro delle modalità di calcolo degli indennizzi, effettuando un vero e proprio salto nel buio, ma addirittura sulla base di indicazioni e formulazioni che cambiano in corso d’opera.

Modelli che vanno, modelli che vengono

Basta osservare la formulazione del fac-simile cambiato dal Ministero dello Sviluppo Economico a distanza di poche ore dalla pubblicazione, come rappresentato dal confronto che pubblichiamo in apertura.
Si esamini, a riguardo, la preoccupante scomparsa della frase “richiede l’indennizzo di cui all’articolo 1, comma 1039 lettera b), legge n. 205/2017″, unita all’estensione temporale dello spegnimento impiantistico (prima previsto dal 20/05/2020 al 30/05/2020 e poi esteso dal 04/05/2020 al 30/05/2020).


Manifestazione d’interesse o impegno vincolante?

Non è chiaro poi se la richiesta sia vincolante o meno (la formulazione è a cavallo tra la manifestazione d’interesse – per sua natura non vincolante – e l’impegno formale alla dismissione).

I presupposti, questi sconosciuti…

Infine, cosa più grave di tutte, per la prima volta si parla di valutazione dei “presupposti” all’indennizzo.
Cosa si intende per presupposto?
La possibilità, per esempio, che l’indennizzo non venga riconosciuto?
Oppure che possa essere ridotto, magari per mancato (e documentato) sfruttamento del diritto d’uso nella sua completa estensione?

Meglio passare a Defcon 3….

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite